Sogna più forte

Poggio Renatico

Il muro grigio era lì. Proprio davanti ai loro occhi. Ogni qual volta guardassero fuori dalla finestra il muro grigio era lì. Immobile. Proprio come un immobile. Ma da oggi gli studenti della scuola media di Poggio Renatico, quando lanceranno il proprio sguardo al di là di quel vetro che separa ciò che li sta formando dal loro futuro, non vedranno più il semplice muro grigio dell’Archivio Storico, ma questo graffito che spero possa aiutarli a viaggiare coi i propri sogni, proprio come facevo io quando m’imbambolavo con lo sguardo oltre le vetrate.

"Lo ricordo come se fosse ieri: sognavo sui libri di scuola,

avevo fame di sapere e ancora oggi è grazie al sapere che la mia testa vola.

I sogni sono benzina per chi se ne vuole andare

da qui, da dove dalle conchiglie non senti il mare

e se un sogno non ti spaventa è perchè non è grande abbastanza,

per questo pensavo in grande da quella stanza.

Prima dei fatti, l'ho fatto con il pensiero,

sognavo di colorare il mondo finché un giorno è successo davvero

ed ho capito che è solo la fede in me che mi aprirà tutte le porte:

tu prova e se non succede, riprova e sogna più forte,

perché a fare il vincitore non è sempre una carta vincente, ma il giocatore.

Ci sono sogni così grandi che, se dormi, non li fai."